Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

Il terzo evento ha avuto come tema “Agricoltura, zootecnia, cinofilia e caccia nelle aree protette del Parco e nelle aree contigue”, ha visto la partecipazione di Politici ed Amministratori locali, provinciali e regionali (presenti, fra gli altri, Il Dott. Carmine Cennamo Assessore alle attività faunistiche della Provincia di Salerno, Il Commissario del Parco del Cilento Prof. Giuseppe Tarallo, l’On. Gennaro Mucciolo Vice presidente del Consiglio Regionale) ed ha avuto un’appendice gastronomica nel corso della quale è stato possibile degustare la carne di capra preparata secondo antiche e diverse ricette della tradizione di Cannalonga e di tutto il territorio. Nell'ambito del discorso culturale ricade anche l'organizzazione degli spettacoli che allietano i visitatori della “Frecagnola”.

Le musiche, le arie e le danze di antica matrice Cilentana hanno sempre un posto di primo piano e rappresentano la vera colonna sonora della Fiera, ma occorre allargare i confini anche sul piano delle attività di intrattenimento ed utilizzare la Fiera come una vetrina, un grande espositore non solo di prodotti agro-alimentari ed artigianali, ma anche di tutta la musica e lo spettacolo che abbiano un profondo radicamento popolare. I sapori, i saperi, la musica e le....immagini.

Le arti figurative trovano il giusto spazio in un contenitore così importante: ed ecco pittori, scrittori, fotografi e grafici in una serie di concorsi e di mostre in cui possono esibire le loro opere ed affidarle al giudizio di migliaia di visitatori. Le arti figurative trovano il giusto spazio in un contenitore così importante: ed ecco pittori, scrittori, fotografi e grafici in una serie di concorsi e di mostre in cui possono esibire le loro Tutto questo e tanto altro ancora è la Fiera di Cannalonga simbolo ultracentenario di attività e di svago che ambisce a ricoprire un ruolo di primo piano nel rilancio di quella identità Cilentana che affonda le sue radici nella storia e proietta le sue potenzialità nel futuro.

L’atavica povertà delle casse di un piccolo Comune del Cilento interno non consente, purtroppo, di elaborare quei progetti di sviluppo che pure sarebbero auspicabili e realizzabili come precedentemente accennato.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information